giovedì 9 aprile 2015

228 - Amicizia






Faccio un balzo in avanti e lei, come me, salta.

Mi volto verso la mia destra e faccio, in veloce sequenza, tre passi in avanti … niente da fare, anche lei si volta e cammina fermandosi quando mi fermo io.

Provo a distrarla, scatto all'improvviso indietro, ma anche questo non serve: è li che mi guarda e fa tutto quello che faccio io.

Muovo un braccio, e lei muove il suo braccio. Alzo una mano ed anche lei lo fa.

Oggi avevo bisogno di stare con una persona amica, non con una che annuisce ad ogni mia iniziativa come a darmi sempre ragione … noto che la mia ombra lo sa fare benissimo … e non posso considerarla una mia amica.



10 commenti:

  1. Dolcissimo racconto, un tutt'uno con la nostra ombra!
    L'amicizia è un sentimento bello da vivere perché regala affetto vivo, da ricchezza, ed emoziona!
    L'amicizia è complicità gratuita e fa bene al cuore!
    Un abbraccio e buona giornata da Beatris

    RispondiElimina
  2. L'amica vera fa notare anche gli errori che si commettono...

    RispondiElimina
  3. Certo l'amicizia non è compiacente e per il nostro bene dice la verità anche quando fa male, ma povera quest'ombra che vuole coccolarci e prende la nostra forma nel bene e nel male; ciao Folletto, un abbraccio !

    RispondiElimina
  4. mi piace questo tuo racconto...amicizia....l'ombra è la più fedele nostra amica...un difetto non parla
    un abbraccio VAleria

    RispondiElimina
  5. Un noto proverbio dice: chi trova un amico, trova un tesoro.Credo che in queste poche parole possiamo trovare una grande verità. L'amicizia, infatti, quando è vera e disinteressata, si può considerare un tesoro dal valore inestimabile…..
    Un caro saluto e un buon fine settimana da pia ciao

    RispondiElimina
  6. le ombre e le ombre degli amici sono amici troppo facili per essere davvero buoni amici :)

    RispondiElimina
  7. :-D Bella la tua vena ironica e profonda.

    RispondiElimina
  8. l'amico sa essere anche scomodo, ma questa ombra fedele mi ha affascinata sempre, fin da bambina, soprattutto nelle sere di plenilunio quando vivevo in campagna.

    RispondiElimina